Pratichi il trekking in montagna o sei solito organizzare gite ed escursioni con i tuoi parenti e amici? Passare delle ore in mezzo alla natura è rilassante e rigenerante, ma che sia per sport o per passare il tempo libero all’aria aperta, è occorre essere sempre ben attrezzati per scongiurare incidenti e spiacevoli infortuni, specialmente quando ci si reca in luoghi lontani dalla civiltà. Indossare le migliori scarpe da trekking per le tue necessità può letteralmente salvarti la giornata, per questo ti consigliamo di leggere attentamente questa guida, che ti illustrerà velocemente delle scarpe da trekking prezzi e particolarità che le distinguono dalle normali scarpe da ginnastica.

Cosa sono le scarpe da trekking

Le scarpe da trekking, o scarpe da montagna, sono scarpe utilizzate per praticare l’escursionismo, un’attività motoria che prevede lunghe camminate all’aria aperta e dove è necessario mantenere il piede protetto il più possibile.

Percorsi accidentali, sterrati e dissestati, magari dopo un temporale, diventano pericolosi: è facile prendere una storta o scivolare sul fango o sull’erba bagnata; le scarpe trekking riducono questi rischi, mantengono il piede asciutto e prevengono la formazione di calli e vesciche.

Sebbene esistano particolari modelli di scarpe alpinismo o arrampicata specifici, alcune tipologie di scarpe da trekking possono essere utilizzate anche per altri sport più estremi. Ricorda quindi che non esistono solo delle scarpe da montagna sempre adatte a tutto, ma assicuratevi che quelle che state andando a comprare siano le migliori per le vostre esigenze.

Come funzionano

Al contrario delle normali scarpe da ginnastica, le scarpe da trekking sono più robuste e rigide nella parte inferiore e in corrispondenza della caviglia e sono provviste di supporti laterali per prevenire che ciottoli e sassi ledano la pianta, per proteggere le giunture da eventuali incidenti e per accompagnare il movimento del piede durante la camminata ed evitare movimenti scorretti.

Solitamente impermeabili, per evitare che l’acqua possa penetrare nella calzatura queste scarpe hanno una soletta plantare, che aiuta il piede a mantenere l’equilibrio e ne garantisce il comfort. Una buona scarpa da trekking è costruita con materiali che permettono al sudore di traspirare ed evitare che si crei umidità all’interno della scarpa e prevenire la formazione di batteri, vesciche e cattivi odori.

La suola è invece pensata per aderire bene al terreno per evitare di scivolare e farsi male.

Fattura e design

Chi cerca una scarpa per addentrarsi su percorsi difficili, deve scegliere una suola scolpita profondamente, che sappia assicurare aderenza sui terreni scivolosi o accidentati: è la parte più importante della scarpa da trekking ed è facilmente distinguibile dalle suole montate sulle comuni scarpe da ginnastica.

Molte persone scelgono delle scarpe da trekking basse, prive quindi della protezione alla caviglia; questo perché avere una scarpa che limita il movimento del piede per molti risulta scomodo. C’è però da considerare che se si intende percorrere strade in montagna, dov’è facile inciampare, una scarpa capace di proteggere la caviglia da storte e slogature è molto importante. I modelli bassi invece possono essere presi in considerazione quando si pratica l’escursionismo su percorsi più semplici e meno accidentali, come in collina o in pianura.

Le migliori scarpe da trekking sono in cuoio e risultano più costose, non assicurano una totale impermeabilità, ma hanno il vantaggio di asciugarsi velocemente e garantiscono un’adeguata traspirazione, evitando un’eccessiva sudorazione. Le scarpe in plastica sono più economiche, garantiscono una totale impermeabilità, ma non permettono al piede di traspirare.

La chiusura si presenta solitamente con dei comuni lacci, ma ci sono anche modelli con chiusure in velcro, più pratiche e semplici, specialmente se sono destinate a un bambino.

Essendo l’escursionismo uno sport praticato da persone di tutte le età e di entrambi i sessi, esistono innumerevoli modelli tra cui scegliere: i designer possono sbizzarrirsi e creare scarpe di tutti i colori possibili e immaginabili, ma ricordate sempre di prediligere la funzionalità della scarpa al suo aspetto: la scarpa da trekking deve prima di tutto assicurare una camminata comoda e sicura.

Vantaggi e svantaggi

La scarpa da trekking non ha nessuno svantaggio, se non quello di non poter essere utilizzata tutti i giorni per motivi estetici o climatici. Chi per lavoro deve camminare molto e non ha particolari requisiti per l’abbigliamento, spesso trova utile acquistare delle calzature di questo tipo.

Le scarpe escursionismo offrono invece numerosi vantaggi, proteggendo i piedi da piccoli incidenti, quali storte, e permettendo al piede di traspirare impediscono che un eccessivo accumulo di sudore possa portare il piede a soffrire di funghi e vesciche, risultando indispensabili e insostituibili quando si pratica un’escursione.

Cura e manutenzione

I produttori tendono a specificare la corretta manutenzione da eseguire abitualmente per prendersi cura delle proprie scarpe, in mancanza di queste è possibile pulirle e lavarle come si fa con le normali scarpe da ginnastica, avendo la premura di non posizionarle sotto al sole diretto durante l’asciugatura e rimuovere sassi e sporcizia dalla suola. Il lavaggio è da eseguirsi ogni volta che le scarpe si dovessero bagnare durante l’escursione per evitare che si sformino. Anche se non viene effettuato un lavaggio completo, le scarpe da montagna vanno sempre lasciate asciugare bene dopo ogni utilizzo.

Prezzi medi

Cercando un po’ su internet capirai che delle scarpe da trekking prezzi e di conseguenza qualità possono variare molto.

Una scarpa in plastica ed economica può costare anche meno di 30 €, ma sicuramente non offre la stessa protezione e traspirazione di una scarpa da trekking di alta qualità, in cuoio e con caviglia alta: infatti questo genere di scarpa può costare anche 200 €, ma può essere utilizzata durante ogni tipo di escursione. I modelli più economici sono comunque più che validi per chi ne prevede un utilizzo per passeggiate su percorsi facili e regolari.

Come scegliere le migliori scarpe da trekking

Camminare scorrettamente a causa di dolori ai piedi, o tenere gli arti in scarpe che trattengono l’umidità, può rivelarsi un’esperienza infernale. Per questa ragione devi essere certo che il modello che sceglierai sia di buona qualità, costruito con i materiali adatti e dotato di tutti gli accorgimenti per guidare correttamente il movimento delle gambe e delle caviglie, senza però risultare eccessivamente scomodo.

Ci sono due fattori da tenere a mente quando si acquistano un paio di scarpe da trekking: il tipo di utilizzo che si intende farne e il tipo di piede dell’utilizzatore.

Se vuoi un paio di scarpe da tenere nell’armadio e spolverare di tanto in tanto quando si programma con amici o famigliari una gita fuori porta, oppure per quando andate in vacanza e sapete che dovrete camminare a lungo, allora la scelta più saggia da fare sono un paio di scarpe relativamente economiche, ma adatte a semplificare l’esercizio; al contrario, se vuoi praticare il trekking con regolarità, o sei solito camminare in aperta campagna, su sentieri fangosi e dissestati, faresti bene a considerare la possibilità di comprare un paio di scarpe più professionali e di qualità maggiore.

Il discorso può complicarsi se hai un piede soggetto a calli e a vesciche: in questo caso sarà meglio scegliere i modelli che offrono un maggiore comfort e una maggiore traspirabilità.

Considera se comprare un paio di scarpe con soletta removibile: questa tenderà a muoversi durante la camminata, ma si potrà sostituire a proprio piacimento con una più comoda o con una nuova una volta che si sarà usurata.

Se pratichi il trekking come vera attività sportiva, con regolarità e non a scopo ricreativo, non devi assolutamente lasciare che il prezzo determini la tua scelta: la scarpa trekking può influenzare le tue prestazioni, rendendo un esercizio più impegnativo del dovuto se non è di buona qualità, o frenandoti in alcune situazioni, come durante le discese.

Consigli e taglie

Esistono in rete numerose guide e forum online, dove professionisti e non si scambiano consigli per semplificare e svolgere al meglio escursioni ed altre attività e che si possono liberamente consultare per trovare informazioni più specifiche e accurate per il tipo di attività che andrai a praticare.

Dei consigli generici che valgono per tutti sono di: acquistare dei calzini specifici per il trekking e idonei al tipo di scarpa che vuoi comprare (alta o bassa) e di portare sempre con un paio di calzini e di stringhe di scorta per far fronte ad ogni imprevisto.

Al momento dell’acquisto è consigliabile comprare le scarpe un po’ più grandi del normale, questo perché durante l’esercizio il piede tende a gonfiarsi. Anche l’imbottitura tende a rendere questo tipo di calzature più “corte” rispetto ad altre scarpe della stessa misura. Alcuni produttori offrono una tabella con la lunghezza in centimetri relativo ai vari numeri di scarpa disponibili, altri specificano se la calzata è normale. Se non viene specificato nulla occorre scegliere almeno un numero in più, chiedendo anche pareri agli utenti che hanno già acquistato il prodotto, o direttamente al produttore.

Si consiglia anche di indossare per alcune ore le scarpe da trekking prima di praticare l’escursione, in modo da ammorbidirle quanto basta. Questo semplice accorgimento ti aiuterà a prevenire inutili dolori ai piedi nel bel mezzo della prima gita.

 

1. CMP Rigel 3Q13247 Recensione

Il marchio CMP propone queste scarpe da trekking da uomo a un ottimo rapporto qualità/prezzo, perfetto che gli entry level che non voglio spendere cifre troppo alte, ma che allo stesso tempo gradiscono un prodotto di qualità e adatto a percorsi abbastanza leggeri.

Uno dei punti forza di questo prodotto è l’impermeabilità unita alla traspirabilità.

Il modello CMP Rigel 3Q13247 si presente con caviglia alta, chiusura a stringhe es è disponibile in diverse varianti di colore, tra cui sarà difficile non trovare una tonalità di gradimento.

La prima versione che troviamo si presenta di colore grigio scuro, con inserti neri e cuciture decorative bianche. Le stringhe sono nere e grige, così come la suola. La versione blu scuro offre sempre la suola nera e grigia e ha inserti e cuciture sulla tomaia di colore nero. Le stringhe sono grigie e bordeaux; quest’ultimo colore viene ripreso in alcuni piccoli dettagli, come alcuni occhielli delle stringhe e il logo. Il marrone lo troviamo in due versioni: un modello si presenta con tomaia marrone molto scuro con inserti neri, bianchi e grigi, l’altro è in marrone di tonalità più chiara, sempre con inserti neri grigi e bianchi. Chi ama i colori più accesi può sceglie il modello con tomaia rosso scuro e inserti neri, bianchi e grigi, il modello blu scuro con inserti neri e grigi e alcuni dettagli e cuciture dio un verde acceso, o infine il modello grigio chiaro con suola e particolari neri e grigi e alcuni dettagli arancioni.

Il materiale esterno è scamosciato e nubuk, la fodera è in maglia e la suola in gomma.

La suola interna estraibile si rivela comoda per il lavaggio e per un’eventuale futura sostituzione.

Vantaggi:

  • Qualità/prezzo
  • Impermeabili
  • Varianti di colore

Svantaggi:

  • Adatte solo per escursioni leggere

 

2. Grisport Wolf Recensione

Grisport è un brand italiano specializzato nella produzione di calzature di qualità, con linee dedicate ad un uso quotidiano, altre ad un impiego lavorativo e infine con linee studiate appositamente per gli amanti del trekking e dell’escursionismo.

Disponibile nelle varianti blu e verde, questi scarponi da trekking sono destinati al pubblico maschile. La versione blu si presenta con suola nera, rinforzo sul tallone nero con piccolo inserto beige, tessuto imbottito alla caviglia nero, tessuto laterale grigio, linguetta blu scuro e grigia e il resto della tomaia in pelle di colore blu scuro, mentre le stringhe sono blu scuro e grigio. La versione verde ha sempre la suola nera, il rinforzo sul tallone di colore nero con inserto marroncino, stringhe nere e grige, imbottitura alla caviglia e laterali veroni, linguetta verdone e verde militare e il resto della tomaia sempre in verde militare.

Il modello è di tipo alto, ovvero che avvolge completamente la caviglia per una maggiore protezione.

La suola è in poliuretano ed offre un ottimo grip, la fodera è in tessuto e l’esterno si presenta invece in pelle.

Il prodotto si rivela ottimo per le escursioni non eccessivamente impegnative e garantisce un’ottima impermeabilità, un ottimo grip e comodità e leggerezza, che rendono queste scarpe da trekking molto apprezzate per il loro rapporto qualità/prezzo. Questo rende gli scarponi da trekking Grisport Wolf un prodotto ideale per chi cerca la qualità a un buon prezzo, ottimo compromesso per gli entry-level che non hanno necessità simili ai professionisti o a chi si impegna in percorsi estremi, ma che desiderano comunque un certo tipo di materiali e comfort.

La vestibilità è normale, non è quindi necessario acquistare un numero in più.

Vantaggi:

  • Qualità/prezzo
  • Impermeabili
  • Leggere

Svantaggi:

  • Non consigliate per escursioni in condizioni estreme

 

3. Columbia 1553591 Recensione

Due varianti di colore disponibili per questi scarponi da trekking del brand Columbia dal design moderno e casual. La prima versione che troviamo è quella con la tomaia di color grigio chiaro, la suola grigia e nera, gli inserti in tessuto e la linguetta neri, le stringhe grige e nere e alcuni inserti quali i passanti e loghi di colore rosso. La versione marrone presenta invece la tomaia di color marrone chiaro, gli inserti in tessuto di colore più scuro, la suola nera e beige e alcuni piccoli dettagli in colore giallo. Il design accattivante e sportivo, rendono queste scarpe da trekking anche esteticamente molto belle da vedere.

La costruzione a membrana Omni-Tech impermeabile, traspirante, con cuciture isolanti, è una delle principali caratteristiche di questo prodotto adatto all’escursionismo.

La tomaia è in pelle scamosciata, mesh e tessuto. La soletta interna è in Techlite leggero, per offrire un’ammortizzazione superiore e duratura e offrire una buona resa di energia. La suola esterna invece è Omni-Grip, per offrire una trazione avanzata.

Il modello è di altezza media, ovvero non alto come uno stivale, ma nemmeno basso, offrendo un compromesso tra mobilità della caviglia e protezione.

La suola è in poliuretano ed offre un ottimo grip, la fodera è in tessuto e l’esterno si presenta invece in pelle.

Per essere sicuri di ordinare la misura giusta, il produttore offre una tabella con indicate le misure e la lunghezza in centimetri corrispondente. In genere scegliere un numero in più rispetto a quello delle calzature tradizionali dovrebbe essere l’ideale.

Il prezzo è sicuramente vantaggioso dati i materiali impiegati, tuttavia queste scarpe da trekking sono indicate per percorsi semplici e non sono consigliate per le escursioni più impegnative.

Vantaggi:

  • Qualità/prezzo
  • Impermeabili
  • Design

Svantaggi:

  • Non adatte ad escursioni impegnative

 

4. The North Face T0CDF5KX7 Recensione

The North Face propone questi scarponi da trekking dal design aggressivo, studiati per la camminata e l’escursionismo.

Il modello è maschile, si ricorda infatti che le scarpe da trekking sono studiate in modo differente in base al sesso, per essere adatte ai piedi di uomini o donne, che risultano essere molto diversi tra di loro. Se queste differenze possono essere irrilevanti per molti tipi di calzature, per le scarpe da trekking sono importantissime, in quanto la perfetta aderenza è indispensabile per una camminata sicura e per evitare la formazione di vesciche.

L’articolo è disponibile in due varianti di colore: nera e grigia.

La prima versione è completamente nera, con logo bianco e piccoli dettagli grigi, mentre la seconda versione è principalmente grigia, con inserti e parte della suola neri, piccoli dettagli e logo arancioni.

L’atezza è di circa 18 cm, tale da coprire la caviglia proteggendola da eventuali storte.

La tomaia è in pelle – nabuk, l’interno e la suola interna sono in tessuto. La suola esterna è invece in Vibram, per un ottimo grip e totale stabilità.

Traspiranti e calde in inverno, queste scarpe da trekking sono un modello dalle qualità più che adatte ad un utilizzo su percorsi non troppo impegnativi, mentre per uscite più impegnative è consigliabile optare per prodotti di fascia più alta. Gli entry-level ameranno queste scarpe e la loro leggerezza, che si rivelano utilizzabili anche in altre occasioni. Chi deve camminare molto per lavoro, come ad esempio chi lavora nel volantinaggio, potrebbe trovare queste scarpe ottime per evitare sudore eccessivo e vesciche, usufruendo della comodità che offrono le scarpe per escursionismo.

La vestibilità risulta normale, quindi non è necessario acquistare un numero in più.

Vantaggi:

  • Qualità/prezzo
  • Impermeabili
  • Leggere

Svantaggi:

  • Modello per entry-level

 

5. Karrimor K748 Recensione

Il marchio Karrimor propone questi scarponi da trekking studiati per il pubblico maschile.

Grazie alle tre diverse colorazioni disponibili, sarà facile accontentare anche i gusti personali. Il modello blu si presenta con tomaia in pelle blu scuro, inserti in tessuto neri e piccoli dettagli grigi, azzurri e rossi. La versione grigia ha invece la parte in pelle nera, il tessuto grigio e alcuni dettagli bianchi e rossi. Infine troviamo la versione marrone, con la tomaia marrone, gli inserti in tessuto neri e i dettagli grigi e gialli.

La punta è rinforzata, per proteggere le dita dei piedi. L’altezza è media, non alta quanto uno stivale, ma abbastanza da proteggere la caviglia a sufficienza per i percorsi poco impegnativi.

Queste scarpe da montagna si rivelano un’ottima scelta per il periodo autunnale e invernale, offrendo un buon livello di calore.

La pelle della tomaia offre un buon compromesso tra impermeabilità e traspirazione. La suola morbida e aderente permette un buon grip anche su ciottoli o erba bagnata.

Per mantenere il prodotto in stato ottimale, occorre lasciare asciugare il prodotto dopo il lavaggio e dopo ogni utilizzo, aprendo la scarpa il più possibile e lasciandola in luogo asciutto e areato. In questo modo si evita che l’umidità possa portare cattivi odori e batteri.
La soletta removibile rende più semplici le operazioni di asciugatura e lavaggio, nonché la sostituzione futura.

Studiate per i periodi di pioggia e quindi terreni bagnati e fangosi, possono essere un’ottima scelta anche per l’utilizzo in campagna.

La robustezza e la resistenza di queste scarpe da trekking sono ottime per offrire non solo la comodità, ma anche la sicurezza, indispensabile per le camminate escursionistiche e per i percorsi non troppo difficili.

Vantaggi:

  • Qualità/prezzo
  • Comfort
  • In pelle

Svantaggi:

  • Calde in estate

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here